Benvenuti ad un nuovo appuntamento con il nostro Diario di bordo!

E’ arrivato il weekend ma è tutta la settimana che noi viaggiamo. Il nostro giro si conclude tornando in Europa e grazie agli scatti della prof.ssa Gonzalez possiamo ammirare scorci della Spagna, dalla Catedral de Nuestra Senora del Pilar di Zaragoza alle stradine di Sevilla.

La stessa prof.ssa Gonzalez e la  prof.ssa Aghemo hanno lavorato con la 3CD con una canzone che è diventata l’inno nella resistenza al coronavirus in Spagna.

La canción “Resistiré” es una canción popularizada por el Dúo Dinámico con algunos ingredientes de la mítica “I willsurvive” de Gloria Gaynor. Publicada en 1988, aparece en la película de Pedro Almodóvar ¡Átame! (1990). Su letra intenta decir que hay salida para las situaciones difíciles. Estos días, se ha convertido también en el himno de la pandemia causada por el COVID-19 y suena en balcones y ventanas de toda España a las 8.00 pm para recordarnos a todos que lo malo terminará.

Cuando pierda todas las partidas
Cuando duerma con la soledad
Cuando se me cierren las salidas
Y la noche no me deje en pazCuando sienta miedo del silencio
Cuando cueste mantenerme en pieCuando se rebelen los recuerdos
Y me pongan contra la paredResistiré, erguido frente a todo
Me volveré de hierro para endurecer la piel
Y aunque los vientos de la vida soplen fuerte
Soy como el junco que se dobla
Pero siempre sigue en pieResistiré, para seguir viviendo
Soportaré los golpes y jamás me rendiré
Y aunque los sueños se me rompan en pedazos
Resistiré, resistiré 

 

Cuando el mundo pierda toda magia
Cuando mi enemigo sea yo
Cuando me apuñale la nostalgia
Y no reconozca ni mi voz

 

Cuando me amenace la locura
Cuando en mi moneda salga cruz
Cuando el diablo pase la factura
O si alguna vez me faltas tú.

 

Resistiré

 

 

Quando perderò tutte le partite
Quando dormirò in solitudine
Quando le mie vie di fuga saranno chiuse
E la notte non mi lascerà in pace

Quando avrò paura del silenzio
Quando sarà difficile stare in piedi
Quando i ricordi si ribelleranno
E mi metteranno contro il muro

 

“Resisterò, in piedi davanti a tutto

Diventerò di ferro per indurire la pelle

E anche se i venti della vita soffiassero forte

Sono come il giunco che si piega

Però continua sempre a stare in piedi

Resisterò, per continuare a vivere

Sopporterò i colpi e non mi arrenderò mai

E anche se i sogni si rompessero in mille pezzi

Resisterò, resisterò”

 

 

Quando il mondo perderà tutta la magia

Quando sarò il mio stesso nemico

Quando la nostalgia mi pugnalerà

E non riconoscerò nemmeno la mia voce

 

Quando la follia mi minaccerà

Quando dalla moneta uscirà la croce

Quando il diavolo mi presenterà il conto

O se mi mancassi tu.

 

Resisterò…

 

Los estudiantes de 3CD han reflexionado sobre el significado de esta canción.

Aquí tenéis su pensamiento:

Esta cancióntiene una moraleja bastante actual. Elautor y los cantantes de esta canción han querido expresar con estaspalabras que siempre hay salida para las situaciones difíciles. La palabra “resistiré” quiere decir que,a pesar de todas las adversidades, cada uno tiene que seguiradelante y luchar por sus deseos sin rendirse ante el primer obstáculoque encuentre en su camino.

¿Te atreves a cantarla?

Dallo Spagnolo al Latino, le due oggi hanno studiato Ovidio con il prof.re Pazzi, in una lezione dal titolo “Tra mito e amore”.

Non solo teoria come annuncia entusiasta Elisabetta Marinello ai compagni classe pochi minuti prima dell’inizio della lezione di Educazione Fisica:

“Quest’oggi lezione pratica quindi t-shirt, pantaloncini e tanta carica.”

E vista la considerazione finale, sembra che la movimentata lezione del prof.re Siclari sia stata molto apprezzata dalla 2B

“Siamo felici di aver avuto l’opportunità di allenare anche il corpo oltre alla mente in questi giorni di reclusione. Ci siamo divertiti, siamo stati tutti allegri insieme, speriamo che presto si possa tornare a farlo all’aperto. Abbiamo creato un’atmosfera di festa grazie anche a Rachele che ha ci ha ravvivato mettendo la musica a volume alto per scandire i ritmi degli esercizi ginnici. Il professore Siclari ci ha dato una mano a dimenticare questa prigionia. Grazie professore. Elisabetta Marinello e Camilla Barra.

Abbiamo parlato tanto di fotografia nell’ ultimo periodo, cosi  segnaliamo che ieri sono stati annunciati i vincitori della 63ª edizione del World press photo, il più importante premio fotogiornalistico del mondo. L’annuncio è stato fatto sui social network del premio perché la cerimonia ad Amsterdam è stata annullata a causa delle misure per contrastare la diffusione del covid-19.

https://www.internazionale.it/foto/2020/04/17/vincitori-world-press-photo-2020

Potete ammirare tutti gli scatti vincitori visitando il sito

https://www.worldpressphoto.org/

Concludiamo con le nostre interviste quotidiane: oggi hanno risposto alle nostre domande Marcella Pisanti di 3cd e Marta Ferrisi di 2 Acd

Qual è la prima cosa che farai dopo la quarantena?

Marcella: Sicuramente, dopo la quarantena vorrò vedere tutte le persone che non  ho visto in questo periodo: i miei compagni di classe, quelli della squadra e vorrei riprendere la quotidianità al più presto.

Marta: Uscire con i miei amici che non vedo purtroppo da molto con ovviamente le precauzioni che dovremo tenere

Cosa ti piacerebbe fare finite le superiori per quanto riguarda università o lavoro?

Marcella: Sicuramente, voglio continuare ad allenarmi e cercare di realizzare il mio sogno al meglio. Per quanto riguarda il lavoro, il mio obbiettivo e sogno è laurearmi in giurisprudenza e diventare Commissario e se in caso non riuscissi vorrei fare l’esame d’avvocato e diventare avvocato

Marta: Personalmente vorrei sfruttare le mie conoscenze nelle lingue che ho acquisito andando all’ estero e mi piacerebbe studiare psicologia

Hai sviluppato nuovi passatempi o passioni durante questa quarantena?

Marcella: Si, con mia mamma ci siamo messe a provare nuove ricette e durante il pomeriggio, se non sono impegnata con l’allenamento, ci diamo da fare in cucina.

Marta: Ho riscoperto le mie abilità nella cucina e mi sono resa disponibile ad aiutare mia mamma nelle faccende domestiche

C’è qualcosa che ti piace fare, che avevi accantonato, che ora hai tempo di fare data la quarantena?

Marcella: Si, era da tanto che non stavo così tanto da sola e in questo periodo sto ritagliandomi del tempo per me stessa, era da tanto che non mettevo in ordine gli armadi di camera mia e rimandavo sempre, finalmente ci sono riuscita!

Marta: Ho piacevolmente passato tanto tempo con mia sorella legando ancora di più con lei e ho notato che abbiamo piú punti in comune rispetto a quanto pensassi

Un libro, un film o una canzone di cui consigli la lettura, la visione o l’ascolto?

Marcella: Un film molto bello che ho visto in questo periodo è “Stop at nothing: Lance Armstrong”, consiglio a tutti di vederlo perché parla di un argomento molto delicato e attuale.

Marta: In questi giorni ho seguito la serie “American Horror Story” e ho scaricato ogni brano fosse presente in essa e sono principalmente anni ‘50

 

Ti ricordiamo che puoi contribuire a rendere speciale questo spazio inviandoci pensieri, immagini e foto all’indirizzo mail ivano.leccia@vittoriaweb.it

A lunedi! Buon weekend!